Messi in Riga

La Fiorentina inizia questa sua nuova avventura europea con un pareggio davvero deludente. Dovrebbe essere un girone abbordabile, ma siamo stati messi subito in Riga dai lettoni. Ovviamente è solo la prima gara, però deve essere chiaro a tutti che in Europa nessuno regala niente. E noi non ci possiamo permettere di regalare occasioni gol a dozzine. Messi in riga quindi in primis gli attaccanti, dallo stesso Italiano. Cabral ci mette la grinta, ma rimbalza sempre sul portiere. Jovic. In questi primi due mesi ci siamo finiti a dire, non è in condizione… ma come calcia. Ha avuto tre occasioni da fermo, e la cosa più pericolosa è stato il palo sul calcio di rigore. Sottil cerca troppo il bel gol e fa fatica a trovare sempre la porta. Poi c’è Ikoné, che ormai si sta instristendo lui, sta intristendo noi. HO visto poco il primo tempo, dove Italiano ha accontentato Simone, mettendo Ikoné a sinistra… ma mi sembra che i risultati non siano cambiati. Per fortuna almeno Barak sta piano piano ritrovando confidenza con la porta. Purtroppo dopo l’ora di gioco c’è stata stanchezza in campo e qualche imprecisione dietro, che ci è costato il pareggio.

C’è anche un po’ di sfortuna, come dice Simone, però le occasioni sprecate e le partite iniziano a essere non poche per fare delle prime riflessioni. E’ quella sulle punte è amara, come ha detto lo stesso Italiano. Probabilmente Italiano s’è dato un alibi, per fare delle scelte più drastiche sul piano offensivo.

5 Commenti

  1. Ora basta
    I mediocri hanno già avuto le loro occasioni. Ikone, Maleh, Saponara, Mandragora, fuori squadra. Se Gonzalez si riprende giochino i migliori.
    A fine stagione saremo 12esimi e fuori da tutto quindi o via barone pradè e Italiano o se dio vole via commisso

    • Caro Enrico, benvenuto sul nostro sito.
      Qui si comincia ad essere frustati un po’ tutti ma per fortuna siamo ancora all’inizio. Magari i nostri centravanti entreranno in condizione strada facendo…
      Maleh è giovane, Mandragora all’inizio, Ikoné pure, ma veder scendere in campo Saponara mi mette veramente di cattivo umore.
      Italiano sta veramente cominciando a stuccare, un po’ come Montella.
      Però bisogna aspettare la fine della stagione.

    • Enrico, come si dice dalle mie parti, l’hai toccata piano 🙂
      Sappiamo, sapevamo, che le coppe portano via tante energie e la Fiorentina è una squadra che in campo ha bisogno di energia. La Juve sabato a Firenze nel secondo tempo non ha superato la metà campo, ma non ha preso gol. Noi, come ci abbassiamo un po’ lo prendiamo senza problemi dal Riga. Per questo è importante avere almeno 17/18 giocatori in grado di giocare titolari.
      Il vero problema oggi è se veramente abbiamo sbagliato tutto sulle due punte centrali. Questo in effetti potrebbe costarci molto caro.

  2. Ho visto tutta la partita, mi sono perso solo l’ultimo calcio d’angolo.

    Nel primo tempo abbiamo avuto tante occasioni, un palo di Barak, vari tentativi di Cabral sempre respinti dal portiere, una bella occasione per Ranieri e altre che mi dimentico. Loro però si sono presentati a tu per tu contro Gollini che ha fatto un miracolo dopo un arrosto tra Amrabat e Bonaventura.

    Nel secondo tempo, dopo averla finalmente sbloccata, abbiamo regalato un altro uno contro uno e Gollini non ha potuto fare un altro miracolo. Poi varie altre occasioni di cui due veramente clamorose, non tanto per la facilità di esecuzione, non eravamo certo a tu per tu con il portiere, ma quanto per l’effetto che hanno avuto su noi tifosi della Fiorentina.

    Nella prima Jovic ha concluso così goffamente alto come non vedevo dai tempi in cui andavo alle partite degli amatori, nella seconda Ikoné non ha inquadrato la porta da dentro l’area piccola. Roba clamorosa. Passi Jovic che pare sia fuori forma e costato il giusto, ma Ikoné che è costato 15 milioni chi l’ha scelto? E’ un giocoliere, con il pallone fa ciò che vuole, ma nel calcio il pallone va buttato dentro (anche di punta come hanno fatto loro) non basta fare le giocate belle, i colpi di tacco che impressionano solo i telecronisti. Basta con Ikoné, né a destra, né a sinistra.

    Basta anche con Saponara, veramente un insulto a chi paga il biglietto mandarlo in campo.

    Italiano ha ancora tanto tempo, ma forse dovrebbe cominciare a cambiare qualcosa nel modo di giocare, ormai ci conoscono e hanno capito come fermarci. Dovrebbe capire che i giocatori che vanno in campo sono più importanti di lui e lasciarli un po’ più liberi, non è possibile che li voglia telecomandare dalla panchina. Forse un giorno allenerà il Barcellona, ma al momento lo vedo più propenso per allenare l’Adana Demirspor.

    Fossi un giornalista vorrei chiedere se Maradona o Baggio con lui avrebbero giocato oppure ne avrebbe chiesto la cessione visto che non si sarebbero adattati a nessuno dei suoi rigidissimi ruoli.

  3. E sinceramente mi sarei anche un pochino rotto con e questa storia dei doppi ruoli, va bene avere la rosa lunga, ma non è possibile che in tanti ruoli fondamentali ci sia avvicendamento a metà partita, non porta frutti e deresponsabilizza entrambi i calciatori, dopotutto il loro non è un fallimento, è un fallimento a metà dato che hanno giocato solo metà partita.

    Non sarebbe meglio dosare le energie? Che motivo c’è di giocare al 100% per 95 minuti? Per oltrepassare un muro le vie sono tante, quella di abbattelo è sicuramente l’ultima che mi verrebbe in mente. Invece la Fiorentina adotta sempre la stessa strategia. Mah…

    Quello che mi è piaciuto, finalmente, è stato Gollini che ha manifestato tutto il suo sdegno per una squadra così molliccia, proprio come le squadre di Montella. Speriamo bene… ma il nome è quello.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.