Tutto male… ma scandaloso Orsato!

E dopo il pareggino contro il Riga, oggi a Bologna è andato davvero tutto male. Oltre alla sconfitta, abbiamo subito infortunio di Dodò e anche Sottil è uscito forse malconcio. Storta è stata la giornata di Igor (ricordando il black out di Salerno di qualche mese fa). Oltre alla cilecca sul pareggio, si fa espellere a tempo scaduto su un’azione già chiusa con un nostro fallo laterale. I ragazzi evidentemente non sono tranquilli, o forse veramente provati da un avvio davvero faticoso. E comunque rimane il fatto che facciamo molta fatica a fare gol e, oggi come a Udine e a Empoli, facciamo fatica anche a trovare occasioni buone. E’ evidente che le squadre sanno ormai preparare molto bene le partite contro la FIorentina. Se i viola scendono in campo con la forza nelle gambe e nella testa dimostrate con Napoli e Juve in realtà potremmo ancora fare male. Ma se abbassiamo i ritmi come oggi, siamo squadra da parte destra della classifica, dove per altro siamo. Oggi è salito un po’ in cattedra Bonaventura, ma predicando nel deserto e comunque con una forza fisica che non è quella di un ragazzino. Sottil si è molto chiuso negli ultimi 5 metri laterali e così è difficile arrivare pericolo dentro l’area. Kouamé è fra i più dinamici, ma non sempre efficace. Jovic è stato mangiato da Medel. Se c’è un minimo di spiraglio, a me è sembrato che Ikoné sia entrato con un piglio un pochino migliore del solito, anche se ancora non sufficiente. Tutto troppo poco, tutto male … però c’è stato un Orsato scandaloso. L’azione del secondo gol del Bologna è viziato da una gomitata data da dietro sulla nuca di Quarta. Prima di tutto dobbiamo dire che Orsato è un arbitro supponente, ormai lontano dai suoi momenti migliori, direi scarso nell’interpretare gli episodi in campo. E mi verrebbe da dire che con certe squadre, e la Fiorentina è una di queste, ha un atteggiamento da persona che vuole dirigere la gara dove vuole lui. Il fallo era netto. Si è voluto far passare da episodio NON da VAR. Ma perché? Orsato ha detto di aver visto? Ma cosa ha visto? Ha detto al VAR che ha visto una gomitata ma non era rilevante? Questo sarebbe dolo, fra l’altro assecondato dal VAR. E se invece ha detto di aver visto una spinta, una spalla o altro, il VAR doveva dirgli che era gomitata… perché le gomitate con braccio alto sulla testa sono SEMPRE fallo, quasi sempre da ammonizione o talvolta da rosso. Stasera sembra che ne abbiano combinata un’altra a Torino gli arbitri, ma fa bene Pradé a chiedere spiegazioni a Rocchi, perché in questi casi NON è l’errore la cosa grave, ma come si vuole gestire l’errore.

Detto questo, ha fatto bene anche Italiano a tenere concentrati i giocatori sui propri errori e limiti. Questa settimana chiude un ciclo terrificante per la Fiorentina. La partita in coppa e la gara in casa con il Verona potrebbero riaddrizzare una rotta un po’ arenata e pericolosamente sotto osservazione. Se ci dovessero essere altri passi falsi in queste due gare, si arriverebbe alla pausa in un clima davvero complicato.

2 Commenti

  1. Davide intanto ti segnalo un lapsus… Hai scritto Lega e non Riga… Sarà che manca poco al 25? 🙂

    Si, si è vero. Orsato con noi fa sempre il fenomeno, nel primo tempo ricordo una maglia allungatissima di Bonaventura, mi sembra, ma il cartellino giallo non è uscito. Fossimo stati in Europa, lo stesso Orsato, avrebbe certamente ammonito.

    Ma se vai sull’1-0 e sei in difficoltà, lo sei e sai di esserlo perché ormai il campionato è iniziato da un mese e abbiamo giocato quasi dieci partite, perché poi devi prender il pareggio per aver voluto ancora una volta difendere a centrocampo?
    Perché Igor è stato messo nella condizione di sbagliare individualmente per colpa di una impostazione collettiva sbagliata su indicazione dell’allenatore?
    Ecco, fossi un giornalista chiederei questo a Italiano, che male c’è a giocare uno scampolo si partita un po’ più chiusi e provare qualche contropiede dopo essere passati in vantaggio? Per Italiano è più importante vincere le partite o sentirsi dire che è un fenomeno perché le sue squadre giocano sempre bene a calcio?

    Ben ricordo che questo tipo di errori erano frequenti anche con il fenomeno di Pomigliano D’Arco, anche lui Vincenzo, anche lui presuntuso da considerarsi più importante dei suoi giocatori, anche lui con problemi di centravanti. Perché purtoppo noi oggi abbiamo il problema centravanti come lo avevamo con Montella. E Pradè è il direttore sportivo, corresponsabile della scelta Gomez al posto di Toni.

    Possiamo consinuare a giocare come se fossimo fenomeni senza esserlo, e quindi con scarsi risultati, oppure possiamo provare a rimboccarci le maniche, essere meno bellini, e forse saremo anche più concreti. Mi hanno fatto piacere le dichiarazioni di Pradè che ha ammesso la nostra mancanza di umiltà, ora dovrebbe farlo capire al suo allenatore.

    • In effetti… un vero lapsus, che ho corretto ovviamente 🙂
      Italiano deve migliorare nel leggere la partita ed essere più determinato (e determinante) nel tempismo e nella strategia dei cambi.
      Ora come al solito il problema è non esasperare le cose, come a volte si tende a esaltare (basta andare a leggere cosa si scriveva dopo il passaggio del turno Uefa).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.