E ora non scavare

Premesso che non ne ho avuto il tempo, non era facile scrivere qualcosa di sensato dopo la disfatta in Turchia contro la squadra dal nome impronunciabile e, diciamocelo, ai più sconosciuta fino al sorteggio dei gironi. Abbiamo toccato il fondo, con una prestazione che piano piano si è spenta, con giocatori che sono diventati inguardabili, forse più di quanto realmente lo siano. E’ capibile e forse vero, quindi, tutto quello che si è scritto in questi giorni. Colpa del mercato, perché bravissimo chi non c’è più e brocco chi è arrivato. Colpa del mister, che gioca sempre uguale. Colpa del presidente che non sa comunicare. Colpa ovviamente dei giocatori che non sanno giocare. Colpa di Gollini che proprio non è stata serata. Colpa della difesa che non sa difendere. Colpa di Amrabat, bravo, ma non sa costuire. Colpa di Ikoné e Saponara perché accettano di andare in campo. Colpa di Jovic che con un’altra buona occasione di calciare libero dentro l’area ha tirato sopra la traversa di un metro. Però ha migliorato rispetto al tiro in Fiesole della settimana scorsa.

La cosa che mi preoccupa maggiormente è che sembra si sia entrati nel mood dell’ultime partite di Prandelli. Partiamo con le buone intenzioni, sembra di riuscire a prendere in mano la gara, poi piano piano ci spengiamo. Certo, non possiamo trascurare che questa Fiorentina e questo allenatore hanno un bel po’ di problemi da gestire. Oltre al numero esagerato di gare giocate nel primo mese di stagione, abbiamo una serie di giocatori al palo davvero alto, che comunque avrebbe messo in crisi qualsiasi mercato stellare. Se poi Igor trova anche il modo di avere un riposo forzato le cose si complicano maggiormente. Oggi con il Verona giocheremo con Amrabat e Ranieri centrali di difesa. Tutto questo per dire che può essere vero tutto quello sopra e che abbiamo toccato il fondo. Però ora è necessario non mettersi a scavare, cosa purtroppo in cui l’ambiente fiorentino è molto abile. Personalmente sono convinto che questa è una buona squadra, che per le prestazioni fatte meritavamo più punti in campionato e in coppa, che il mister è uno dei migliori che potevamo avere e che c’è il tempo per risalire… anche se oggi con il Verona non dovesse andare bene. Invece sto leggendo già di ultimatum. Meglio dimenticarsi Champion o robe varie, che magari erano state tirate fuori dagli stessi che oggi “è tutto da rifare”. Però dobbiamo avere la convinzione che ci sono i presupposti per ripetere una stagione come quella dello scorso anno. Ricordandoci tutti, da societeà a tifosi, che ovviamente avere i mezzi per raggiungere obiettivi non è sufficiente. Basta pensare al campionato 92-93.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.