Vittoria delle assenze

Fiorentina Verona poteva essere una partita davvero scivolosa. A ridosso della pausa e con una squadra già sotto processo, poteva aprire anche una crisi difficile da gestire nelle prossime settimane. Come dicevo nell’articolo post coppa, si è criticato tutto in questi giorni. Il mercato, i giocatori, il gioco, l’allenatore. Fra l’altro ancora una volta si è dovuto giocare con 3/4 della difesa titolare assente, con Nico Gonzalez in panchina. La Fiorentina l’ha vinta meritamente, questa volta creando molto e sprecando troppo, ma portando a casa tre punti fondamentali. E’ stata una vittoria delle assenze. Io per primo, ma in compagnia di moltissimi tifosi, ho criticato in questo inizio stagione Ikoné. Lui è il primo ad essere stato spesso assente, specialmente quando era in campo. Spesso è stata una comparsa, mai determinante, a volte irritante. Oggi nel primo tempo ha segnato un gol molto bello, ha creato il rigore, ha impegnato SIlvestri e tenuto in apprensione la difesa del Verona. Altra assenza lamentata in questi giorni è stata quella delle alternative tattiche. E Italiano ha spiazzato tutti, mettendo dentro Kouamé come punta centrale. Ed è stata la mossa in effetti che ha destabilizzato il Verona, perché la Fiorentina ha cercato spesso anche il lancio sull’ivoriano. Kouamé non ha una gestione di palla pulita, ma è riuscito spesso a far salire la squadra, senza necessariamente rischiare la partenza dal basso. Il vero assente di queste settimane è stato poi Nico Gonzalez. L’argentino è mancato davvero molto e oggi è entrato e ha chiuso la partita, pur mostrando ancora di non essere al top.

Oggi si è iniziato a vedere anche Mandragora. E Duncan, altro assento delle settimane scorse, ci ha ricordato che alla fine è qualcosa di più di una riserva. Lo stesso discorso vale per Quarta, che temevamo fosse assente e che invece ha fatto una partita davvero di sostanza, dando una mano anche a Ranieri, alla prima in campionato. Un po’ in ombra Barak, forse anche un po’ provato da questo tour de force, arrivato senza aver fatto il ritiro con i viola.

E stanca e provata dalle 11 gare in un mese è sembrata un po’ tutta la squadra. Negli ultimi venti minuti eravamo in apnea. Per fortuna Nico ha messo il sigillo finale, perché sarebbe stato un vero peccato sprecare l’ennesima occasione. Come dicevo stamattina, questa squadra ha valori, ha ancora delle idee di gioco e sa mettere in campo lo spirito giusto. La pausa a questo punto è provvidenziale. Speriamo che serva a ricaricare le pile e rimettere in testa le convinzioni giuste. IN questo primo mese era importante stare in coppa. Ci sarebbe piaciuto essere più dentro il gruppo, ma era importante non affondare e questo per fortuna non è accaduto.

1 Commento

  1. Per fortuna abbiamo vinto e abbiamo messo temporaneamente a tacere tutte le cassandre e tutti i menagrami parassiti che operano intorno alla Fiorentina. E’ importante affrontare la sosta almeno con lo spirito ritrovato.

    Finalmente Italiano ha dato una smossa alla squadra schierando Kouamè come centravanti e avere un centravanti che dà battaglia, che dà profondità e che lotta su ogni pallone fa giocare la squadra in un altro modo. Poi Kouamè fa anche tanta confusione, ma ci mette la voglia che è alla base di tutto.

    Voglia, determinazione e tenacia.

    Ci sentiamo tra due settimane.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.