L’ora di sconforto

Non è facile scrivere di Fiorentina in questo periodo. Non è facile sicuramente per un tifoso, magari lo è di più per chi vuole creare subbuglio. Premesso che è mancato anche il tempo, non è stato facile trovare neppure il modo di commentare il nuovo passo falso dei viola a Bergamo. La partita tutto sommato si è mossa sul filo dell’equilibrio, con leggera supremazia dell’Atalanta, ma senza neppure subire troppo. Il fatto è che durante la gara sale nei tifosi, e a volte sembra anche nei giocatori, il presentimento che non riusciremo a buttarla dentro e che qualche cavolata dietro per prendere gol la faremo. A questo si aggiunge il fatto che ci sentiamo un po’ spuntati nella possibilità di cambiare le sorti della gara. E questo a causa anche e soprattutto delle assenze che comunque sono pesanti per Italiano. Infine completa il quadro l’inadeguatezza di certi interpreti, in particolare, in partite fisiche come quelle che ti costringe a fare l’Atalanta. La presenza in campo di Saponara, Ikoné e Venuti si riduce a livello di comparsa. E con l’Atalanta si è aggiunto anche Barak fra in non pervenuti. Potremmo parlare anche delle difficoltà di Italiano. Ci sono, inutile nasconderlo, però in questa fase dobbiamo concedergli un po’ di tempo per riflettere sia sul modo di giocare, ma anche sull’apporto effettivo che possono dare i suoi giocatori. Insomma, per dirla con il nostro inno, siamo nell’ora dello sconforto. Penso sia giustificata questa sensazione, mentre ritengo poco serio sputare sentenze a inizio ottobre, considerando comunque tutte le attenuanti del caso.

E siccome domani sera abbiamo una gara molto importante, dobbiamo cercare di non farci travolgere dalle sensazioni negative. Ripartiamo con il recupero di certe pedine importanti, come possono essere Milenkovic, Dodo, Nico Gonzalez, Sottil. Ripartiamo dai segnali positivi dati da Jovic nel suo ingresso in campo a Bergamo. Ripartiamo dalla gioia di giocare di Kouame. Abbiamo bisogno di influssi positivi e dobbiamo crearli e capitalizzarli. Abbiamo bisogno anche della consapevolezza che la Fiorentina è più forte delle proprie avversarie in coppa. E’ tempo che allenatore e squadra facciano vedere segnali chiari e convincenti… perché nell’ora di sconforto o di Vittoria, Oh Fiorentina, ricorda che del calcio è tua la storia!

1 Commento

  1. Vedere giocare la Fiorentina di questo periodo mette proprio sconforto addosso.

    Primo problema la scelta di Ikoné, ma chi l’ha scelto??? E’ un niente, niente, niente, un giocatore completamente regalato alla squadra avversaria.

    Secondo problema dover schierare Saponara per tutta la partita, si è vero è bravo tecnicamente, è intelligente, ha qualche buona intuizione, ma fisicamente non esiste, fargli giocare più di venti minuti vuol dire regalare un altro giocatore agli avversari. Lui e Ikoné sono due.

    Terzo problema un centrocampo pieno di giocatori dal passo intermedio, senze un corridore, un picchiatore, uno che si butta sulla palla o sul piede. Come scrivevo giorni fa Italiano rischia di fare la fine di Montella, a Torino con Kurtic che picchiava 2 a 1, a Firenze con il trio di fiorettisti 0 a 3.

    Quarto problema Italiano che non si accorge che all’inizio del secondo tempo abbiamo iniziato a soffrire come matti e non ha fatto i cambi in tempo.

    Poi l’Atalanta non ci ha surclassato ma ha giocato meglio quel tanto che basta per vincere.

    Per vincere a calcio servono calciatori che picchiano.

    E speriamo bene per stasera

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.