Good News

Quella in Scozia contro gli Hearts era una partita delicata e quindi difficile. Sbagliare questa partita poteva voler dire sbagliare la stagione. E la difficoltà di una gara è un tema più articolato e complicato della difficoltà tecnico/tattica che può imporrre l’avversario. E tante squadre, italiane e europee, lo stanno sperimentando in queso inizio di stagione. La Fiorentina ha vinto nettamente e meritatamente e dalla serata britannica arrivano solo good news!

La prima buona notiza sono ovviamente i tre punti, che insieme al pareggio del Riga con i turchi sposta di nuovo un po’ le proiezioni di classifica del girone dalla nostra parte. Ottima notizia è il rientro in campo, seppur a gara in corso, di Milenkovic, Dodo e Gonzalez, non solo tre titolari della squadra di Italiano, ma probabilmente i giocatori più forti. E una buona notizia sono i gol delle punte Kouamé e soprattutto Jovic, che ha giocato molto per la squadra e ha trovato anche alcune conclusioni pericolose. Su queste deve ritrovare la sua precisione e la sua incisività, ma quando un attaccante ha modo di calciare verso la porta è già un passo importante. E una buona notizia è anche vedere armonia in campo fra Amarabat e Mandragora, nel ruolo di mezzala e anche incursore nell’area avversaria. Bello il suo gol, pericolose un altro paio di occasioni sempre nei suoi piedi. Partendo da questi due interpreti, c’è da capire quale potrebbe essere il terzo migliore. Bonaventura in questa fase sembra un po’ il voglio ma non posso. Certo, ritrovare il miglior Barak renderebbe la nostra mediana solida, tecnica e di gamba… vediamo. Buona notizia anche ingresso in campo con personalità di Bianco. E tutto sommato penso che pure Zurkowski sia una risorsa da da rivalutare. In questa serata di good news, rimane sempre il dubbio sull’effettivo apporto che invece può portare Saponara a questa squadra. Dispiace dirlo, forse dispiace anche a Italiano, visto che è stato suo mentore. Ma in questo momento penso davvero che debba essere la quinta scelta. Gollini ha avuto una incertezza che poteva costargli il cartellino rosso. Ma si è rifatto con una ottima parata, fra l’altro proprio su ingenuità di Saponara. Giusto tenerlo, secondo me, come portiere di coppa.

Ora è il momento di capitalizzare, come dicevo nel post precedente, questi elementi di positività e trasformare le good news europee in buone notizie per il nostro cammino in campionato. Lunedì c’è un altro avversario scomodo, fra i peggiori che ci poteva capitare. Ma se ritorniamo la Fiorentina che abbiamo conosciuto lo scorso anno e abbiamo visto ieri sera, dobbiamo giocarcela senza paura.

1 Commento

  1. Di good in Scozia c’è stato il risultato e pochissimo altro perché, ancora una volta, il nostro portiere è stato costretto ad un mezzo miracolo. A risultato acquisito abbiamo avuto un gioco più fluido ma non possiamo permetterci di soffrire anche con le piccole.

    Stasera ci aspetta la Lazio di Sarri che l’anno scorso ci ha praticamente irriso, noi a faticare, correre, pressare, loro ad attendere per colpirci con semplicità in contropiede. Italiano avrà capito la lezione o assisteremo ad un’altra partita scontata nel gioco e nel risultato?

    E mi lancio sulla formazione. Chiaramente con un 4-3-3.

    In porta sicuro Terracciano, ormai l’alternanza è definitiva.

    Terzino destro spero Dodo, dato che ha giocato in Scozia dovrebbe essere recuperato al 100%. Un centrale Milenkovic e l’altro probabilmente Quarta, non mi aspetto che Italiano rischi Igor. Terzino sinistro Biraghi, nonostante Terzic continui con buone prestazioni.

    A centrocampo sicuro Amrabat. Poi vorrei vedere Zurkowski al posto di Bonaventura, abbiamo bisogno di grinta, corsa, inserimenti. L’ex atalantino/milanista ormai è sul viale del tramonto, inutili le geometrie a 2 km/h come Saponara. Terzo di centrocampo Barak.

    All’attacco sicurissimo Kouamè a destra, l’unico che mette in campo grinta e tenacia. A sinistra ci vorrei Nico e come centravanti preferisco Jovic, il Serbo è in grado di chiudere qualche scambio.

    Spero in un atteggiamento un po’ più furbo di Italiano che non tutti all’attacco e poi a raccogliere la palla nella rete della nostra porta.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.