Un’altra Fiorentina

Ce lo aspettavamo o almeno lo speravamo ed è successo: contro la Juve abbiamo visto un’altra Fiorentina rispetto alla triste sconfitta di Udine. Una prestazione simile a quella vista con il Napoli, ma ancora più intensa e maggiormente dominata. Meritavamo di vincere. Però per vincere bisogna segnare, almeno su rigore. Compreso le amichevoli, Jovic è il secondo che sbaglia su tre tirati, se ricordo bene. Forse le gerarchie dal dischetto sono da rivedere. Questa volta abbiamo tirato in porta, da dentro area e da fuori. Siamo stati anche sfortunati con le ribattute a portiere battuto sul tiro di Maleh e soprattutto di Barak nel secondo tempo. E’ stato bravo Perin, spercialmente su Amrabat. Manchiamo spesso però ancora della cattiveria e determinazione giuste. Se Ikoné mettesse nelle cose che sa pensare e sa fare un minimo della caparbietà che Koumé mette in tutte le sue, potrebbe davvero essere un arma in più. Perché oggi il francese non è entrato neppure malissimo, ma fa tutto con intensità monotòna.

Era ovviamene un’altra Fiorentina anche negli effettivi rispetto a Udine. Non ho fatto il conto, ma nei titolari c’è stato anche questa volta un turn over massiccio. Penso che non sia sufficiente a spiegare la differenza delle due prestazioni, anche se nel gioco delle coppie, Dodo/Venuti, Sottil/Saponara è sempre di più un confronto impari. Anche perché determinanti entrambi nel dare velocità al gioco e mettere pressione agli avversari. A parte i primi 15 minuti di gara, la Juve ha sofferto fin alla fine la pressione e il giro palla questa volta a buona velocità dei viola. Ha deciso quindi di arroccarsi, confidando nella solidità dei due centrali e nel filtro dei mediani. In questi casi serve l’imbucata giusta, il tiro dal limite, la spizzata, il rimpallo. Qui Italiano qualcosa deve inventare, anche perché non saranno poche le partite che avranno questa impostazione tattica. E ho notato che quando andiamo sul fondo (o vicino) ci sono giocatori nostri in area, ma tutti molto schiacciati verso area piccola. Da prendere atto che Terracciano ha superato Gollini nelle gerarchie e forse il nuovo portiere potrebbe essere il titolare della coppa. Molto bene direi Dodo, con anche gli altri di difesa, Amrabat, Sottil e ovviamente Kouamè. Mi sembra in crescita Barak. Su Maleh sono giorni che vorrei fare il PostLight, ma mi sfugge ancora che tipo di giocatore è. Comunque per me oggi non male. Jovic spero ancora sia ombra di se stesso, ha un paio di spunti a partita, non di più.

Italiano deve trovare però un’altra Fiorentina ancora, che sappia capitalizzare, che abbia modo anche di respirare e non spingere a manetta sempre fino al 90° perché il gol non arriva. Speriamo adesso che la partita di coppa possa essere occasione per ritornare alla vittoria, perché questa squadra ha bisogno adesso di trovare un po’ di abbrivio in campionato. Chiudo con due parole sull’arbitro. Nel primo tempo, fino al rigore netto (da lui non dato), ha avuto una condotta secondo me nettamente sbilanciata a favore Juve. Mancano infatti cartellini e il fallo di Cuadrado su Sottil non era certo spalla, visto che lo ha colpito nelle scapole. Poi nel secondo tempo si è bilanciato.

5 Commenti

  1. Milik due gol in due partite. Kvalatskelia quattro gol in tre partite.
    Cabral, Ikonè e Jovic un gol in venti(?) partite.
    Forse c’è qualcuno che nella scelta dei giocatori ci capisce un po’ di più, vero Pradè?

    • Carlo, in effetti i numeri parlano chiaro e in effetti avere due scommesse come centravanti è un grosso rischio. Non so se Milik sarebbe venuto, ma almeno Belotti penso avremmo potuto prenderlo. Detto questo, con Napoli e Juve meritavamo di vincere e anche questo è un dato da non trascurare.

  2. Milik e Belotti non rientrano nella politica degli ingaggi della Fiorentina, guadagnano troppo.

    Per il centravanti quest’anno hanno scelto Jovic e non c’è niente da fare. Io ho più fiducia a Cabral, perché Jovic è ormai un giocatore con la pancia pienissima, ha già preso troppi soldi.

    Certo lo scorso anno dopo 5 partite avevamo 9 punti contro i 6 di ora, ma la Fiorentina di quest’anno mi è sembrata leggermente più attenta alla fase difensiva. Mentre l’anno scorso eravamo forti in avanti ma la difesa peccava di più. A me piace di più quando prima si sistema la difesa e poi si pensa all’attacco.

    Non vorrei più vedere Saponara in campo e mi piacerebbero tre partite di Ikoné a sinistra. Non ho altro da chiedere a Italiano.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.