Vittoria solida

Non ero molto tranquillo per questa seconda trasferta consecutiva in Liguria della Fiorentina. Venivamo da tre vittorie e dall’ennesimo tour de force e temevo anche un calo mentale. La Fiorentina oggi invece è entrata bene in partita, ha costruito in modo corale e ben orchestrato il primo gol di Bonaventura e poi direi che è stata sempre in controllo. Dopo il secondo gol di MIlenkovic la gara si è praticamente chiusa. La Fiorentina con il palleggio e il giro palla ha di fatto mandato fuori giri una Sampdoria, anche stanza e demoralizzata. Per questo la ritengo una vittoria solida, da squadra che sta ritrovando consapevolezza del proprio valore e della propria identità.

Come accade spesso alla Fiorentina, ci sono dei momenti in cui concediamo troppo agli avversari. Lo facciamo soprattutto perdendo duelli in mezzo al campo e lasciando gli avversari quindi aggredire, esternamente o centrali, la nostra difesa. Oggi in particolare, ci siamo fatti infilare un po’ troppo con Augello, dalla parte di Dodo. Il brasiliano, seppur in crescita, è ancora in difficoltà. Però pericoli veri la Fiorentina di fatto non ne ha corsi. Certo, anche oggi abbiamo sprecato un po’ troppo. Occasioni come quella di Ikoné e Kouamé, praticamente a porta vuota, non possono essere sprecate. In altre gare, questi errori possono essere determinanti. A dire il vero, anche rigori dati e poi tolti come quello su Jovic possono essere determinanti. Secondo me al VAR l’arbitro doveva vedere un fallo e mezzo, ovvero quello del difensore e il mezzo del portiere. Invece si è concentrato solo sul mezzo.

Italiano sta proponendo con continuità lo schema con i due mediano e il tre-quartista. Sta funzionanando. Abbastanza bene la coppia Duncan e Mandragora, ma oggi bene soprattutto Bonaventura. I centrali di difesa hanno dimostrato sempre solidità e sicurezza e i terzini sono tornati a spingere. Kouamé continua a essere il giocatore più dinamico, più presente e anche determinante. Ikoné ha confermato anche oggi di essere più dentro la partita e con le assenze prolungate di Nico e Sottil, questa è la coppia che da maggiori garanzie. Jovic praticamente non pervenuto. Più dinamico e dentro la gara Cabral.

Si apre adesso ultima settimana di Serie A dell’anno, di nuovo con turno infrasettimanale. Mercoledì e domenica ci sono due gare non banali, in cui la Fiorentina è chiamata di nuovo a dare segnali di crescita. La Fiorentina deve cercare di capitalizzare questo momento favorevole, sicuramente a partire da mercoledì contro la Salernitana.

1 Commento

  1. Non ho visto bene tutta la partita ma dobbiamo considerare due cose: la prima che la Samp ha una situazione societaria disastrosa, la seconda che abbiamo sbloccato la partita subito e, come dice Italiano, l’abbiamo indirizzata subito nel modo giusto.

    Fino a qualche partita fa non ci riusciva niente di niente, ora stiamo cominciando ad essere più presenti, più attenti e anche un pochino più fortunati. Però ci capita ancora di sbagliare dei gol come quello di Ikoné e Kouamé. 🙁

    Sui singoli mi soffermo solo su Jovic che ha buone potenzialità ma scarso impegno, credo che sia veramente difficile avere a che fare con uno come lui. Per fortuna che Arturino sembra in forma.

    Purtoppo, come dice Davide, siamo senza i due esterni titolari, Gonzalez è già in Qatar, Sottil non credo che verrà rischiato per due partite quindi dobbiamo attaccarci alle ultime energie rimaste a Kouamé, l’unico indispensabile.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.