Vittoria di quasi autorità

Lasciando un attimo da parte le partite della coppa, oggi al Franchi avevamo occasione per la terza vittoria consecutiva in campionato. Siamo partiti da Spezia, dove abbiamo vinto una partita in trincea, un po’ in apnea. Avevo definito poi solida la vittoria a Genova contro la Samp, perché cercata, ottenuta, difesa giocando in modo essenziale, capitalizzando le occasioni. Oggi mi aspettavo una vittoria di autorità, dove la Fiorentina imponesse il proprio gioco, facesse valere la propria superiorità, non mettesse mai in discussione il risultato. E’ stata alla fine una vittoria di quasi autorità. La Fiorentina ha di fatto inposto il proprio gioco. Ha dimostrato di essere superiore- E’ andata presto in vantaggio. Ha avuto molte occasioni per mettere in cassaforte il risultato, ma non l’ha fatto. E questo ha consentito alla Salernitana di stare aggrappati alla gara e alla prima occasione di pareggiare. Siamo ritornati un po’ ai problemi originari, ovvero la NON capacità di chiudere le gare, sbagliando troppo davanti. Il rischio di compromettere la gara con qualche leggerezza dietro. Per fortuna, dopo un grande Bonaventura nel primo tempo, abbiamo trovato un Saponara molto ispirato nella ripresa e, con lo zampino di Jovic, siamo riusciti a concretizzare una supremazia netta in campo e meritare questa vittoria. Si vede senza dubbio una crescita comunque della squadra.

Come dicevo, finalmente abbiamo un Bonaventura di alto livello, mentre Ikoné continua a confermare il suo buon momento, con un assist al bacio per il vantaggio e qualche altra buona azione che poteva/doveva concretizzarsi meglio. GLi manca ancora la cattiveria dentro l’area di rigore, la mentalità di essere lui il finalizzatore, come successo con l’Inter. Un po’ appannato Kouamé. Sempre lodevole la sua determinazione e la sua caparbietà, però oggi ha sbagliato diverse scelte e soluzioni, talvolta anche scatenando potenziali contropiedi. In ombra Cabral. Però ha funzionato, come a Spezia ma a parti invertite, il turnover e Jovic, senza fare molto, si è guadagnato la copertina di questa vittoria. Cominciamo a vedere anche un Dodò di un certo livello, anche se è lecito aspettarci ancora qualcosa in più. Bene secondo me i due mediani e anche i due centrali. Ho letto critiche riguardo il gol subito. Però se la difesa viene attaccata frontalmente senza troppo filtro, è ovvio che andiamo in difficoltà. Tatticamente, abbiamo visto anche stasera un Bonaventura trequartista e molto libero di muoversi fra le linee, supportato dai dui mediani Mandragora e Amrabat. Sapere gestire/girare palla, ma conoscere anche i tempi e i modi per verticalizzare velocemente, sia al punto sulla tre/quarti, sia sulle fasce, rimane un modo interessante per affrontare le gare nell’arco di tutti gli sviluppi di gara.

La Fiorentina ha centrato sul campo le previsioni parziali che si erano ipotizzate per l’ultimo quartetto di gara pre-sosta mondiale. Già si vedeva buono fare sette punti nelle tre gare Spezia, Samp, Salernitana. Ne abbiamo fatti appunto nove, che potrebbe anche far rientrare un po’ di mugugni che girano intorno a squadra, ambiente, società. Soprattutto ci consente di andare a Milano con meno assillo di fare risultato a tutti i costi. Sarà una gara dove il Milan ha tanto da perdere e noi invece possiamo cercare di portare la partita dalla nostra parte. Fare punti a Milano chiuderebbe un ciclo molto positivo, che sta rimettendo in corsa la Fiorentina. Anche perché l’adagio di Simone ritorna sempre: il campionato è lungo e tutti, escluso per il momento il Napoli, hanno i loro problemi in una stagione completamente anomala e imprevedibile. Quei 4/5 punti regalati nella prima fase della stagione oggi renderebbero la nostra classifica completamente in linea con le attese. Mancano, ma per fortuna c’è ancora molto tempo per recuperare.

3 Commenti

  1. Parto dal gol per dire che ha sbagliato clamorosamente Milenkovic, in quella situazione non puoi andare ad aggredire l’attaccante perché fa un triangolo e ti salta pulito. Quando Italiano capira che ci sono dei momenti in cui non bisogna aggredire ma aspettare, e riuscirà a trasmetterlo ai suoi giocatori, faremo un ulteriore passo avanti.

    La partita l’abbiamo dominata in lungo e in largo ma potevamo nuovamente pareggiarla nell’unica occasione che hanno avuto. Ma possibile?

    Finalmente però, la Fiorentina gioca, oserei dire rischia, qualche palla lunga, qualche verticalizzazione, qualche sparata in avanti con un campanile ad occhi chiusi. Riparte sempre dal basso ma non si vergogna a spazzare via, fa pressing a tutto campo, ma non lo estremmizza se non in qualche frangete in cui sono tutti in trance agonistica. Ci manca ancora quel qualcosa per gestire meglio i momenti della partita.

    Gli attaccanti riescono a tenere qualche pallone in più e a giocarlo meglio, le ali si sacrificano di più a copertura della difesa (sopratutto Kouamé), lo spirito battagliereo e di sacrificio è stato ritrovato collettivamente, c’è anche in Ikoné e Saponara seppur molto flebile.

    Poi la classe sale in cattedra e Saponara inventa un bellissimo assist per Jovic che non sbaglia un gol facilissimo. Jovic dovrebbe imparare, o reimparare, a fare questi gol. Ci basterebbe questo. E poi vorrei che qualche gol facile da fare capitasse anche a Cabral, per capire che centravanti è, perché sta giocando meglio che all’inizio, più coinvolto, più concreto, ma occasioni pulite, come sono capitate a Kouamé, ancora non gli sono capitate. Spero che i nostri due centravanti continuino ad impegnarsi sempre perché il campionato è lungo e ci sarà posto per tutti.

    Ieri non ha sbagliato un pallone nemmeno Duncan, è vero che ha giocato poco, ma non ha sbagliato né una scelta, né un esecuzione. E poi voglio dire che non mi dispiace per niente Amrabat che gioca nel ruolo di mediano gregario, più che di mediano regista.

  2. Aggiungerei anche che Dodo mi sembra difendere meglio di Odriozola, ma ancora come fase offensiva mi sembra peggio. Eppure è rapidissimo, Brasiliano, e Pino Vitale ha detto che sembra stia giocando il fratello.

    Avrà solo bisogno di tempo?

  3. Sul loro gol secondo me sono stati un po’ pigri i nostri mediani e quindi Milenkovic è uscito (e Igor un po’ fermo su PIatek). Però in tutta la partita poi non hanno visto palla davanti. Per il resto, condivido i vari passaggi del commento. Cabral l’ha avuto a Spezia e ha fatto gol (anche meno semplice di quelli capitati a Kouamé). Penso che il titolare debba essere Jovic, ma un po’ di alternanza in questo momento fa bene a tutte e due. A Kouamé e a Ikoné manca invece la cattiveria per il gol “facile”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.