Finale ingiusto

Come contro i cugini interisti, la Fiorentina perde di rimpallo con il Milan nei minuti di recupero, con un fallo sospetto questa volta su Terracciano. E’ davvero un finale ingiusto per questa gara e per questo 2022. Un risultato bugiardo e una classifica bugiarda, nonostante le difficoltà nel primo quarto di campionato. Purtroppo anche oggi abbiamo subito un gol a freddo, fotocopia di quello subito con l’inter. Però la Fiorentina ha reagito subito, ha dominato praticamente per tutto il primo tempo, ottenendo meritatamente il pareggio, con la solita percussione sulla destra. Questa volta gli interpreti sono stati Ikoné e Venuti e il realizzatore Barak. Nella ripresa si è giocato molto sul pressing di entrambe le squadre, su ripartenze conquistando palle sporche o sui lanci lunghi. Una partita giocata colpo su colpo. La Fiorentina ha sprecato qualche ottima ripartenza, sbagliando come al solito la scelta finale a ridosso dei 16 metri. E comunque il colpo del KO l’avevano avuto proprio i viola nei piedi di Ikoné, con Tomori che salva sulla linea un tiro preciso ma non forte di Ikoné. E poi il fattaccio, con la rabbia per il fallo non fischiato e la beffa del rimpallo su Milenkovic. Ci sono state due azioni contestate e viste dal VAR. Secondo me è anche molto dubbio intervento di Ikoné, perché è vero che alla fine prende anche la palla, ma di fatto travolgendo il francese. Due dubbi, due decisioni pro-Milan, a San Siro. Strano caso.

La Fiorentina purtroppo ha dovuto rinunciare a Bonaventura, ma per la prima volta abbiamo visto un Barak convincente. Purtroppo abbiamo perso subito Dodò. Certo, si inizia a pensare che era meglio forse perderlo che trovarlo, visto il costo e visto le partite giocate. Adesso comunque ha tempo per recuperare. La Fiorentina ha fatto un’ottima prova a centrocampo e, a parte il gol in avvio, una partita molto attenta anche della linea difensiva. E comunque Venuti e Biraghi hanno anche spinto molto. Cabral ha dovuto fare la solita partita di sacrificio, anche se è stato sfortunato anche lui nel tacco dopo pochi minuti, sbattuto nella gamba di Tatarusanu immobile. Jovic ha avuto qualche intuizione interessante, ma troppo lento per la difesa del MIlan. Saponara e Ikoné hanno fatto una buona partita, entrambi fino a 20 minuti dalla fine. Poi sono schiantati fisicamente. Purtroppo in queste ultime settimane hanno dovuto fare gli straordinari, viste le prolungate assenze di Nico e Sottil. Italiano ha tenuto in campo Ikoné, che alla fine però era in apnea. Kouamé è entrato un po’ confuso, anche lui probabilmente un po’ appannato dopo un mese e mezzo in cui ha dato veramente tanto.

C’è delusione, rammarico, rabbia per questo finale ingiusto. Però la Fiorentina è viva e ripetiamo ancora: il campionato è lungo. In questo sprint pre-mondiale molte squadre sono arrivate con il fiato corto, a partire da Roma e Atalanta. E stasera ho visto anche una Lazio in difficoltà. Nonostante le difficoltà iniziali, la Fiorentina meritava almeno 5 punti in più. Dovrà cercare di recuperarli nel 2023. Adesso è il momento di tirare il fiato, vedere chi in effetti possiamo recuperare dal primo gennaio e capire se dobbiamo/possiamo fare qualcosa sul mercato. Certo è che questa squadra e questo allenatore hanno dimostrato ancora una volta di meritare tutto il sostegno e il tifo possibile.

4 Commenti

  1. Se non avessimo regalato subito il primo gol, sempre nel solito modo, sempre per la necessità del nostro allenatore di apparire fenomeno, forse la partita sarebbe stata diversa.

    Nonostante Saponara abbia giocato abbastanza bene avrei preferito vedere dentro un Kouamé tutta la partita e rispedirei Jovic al Real Madrid, perché tanto è un giocatore ormai finito, buono solo dentro l’area una partita ogni tre o quattro. Ieri è stato inutile metterlo dentro, non si è mai impegnato, poteva impegnarsi rischiando di saltare il mondiale???

    Certo non potevamo aspettarci un arbitraggio imparziale, quello su Ikoné è 3/4 di rigore, e anche su Terracciano c’è un mezzo fallo, però l’errore l’ha fatto sopratutto il nostro portiere che è uscito malissimo.

    A questo punto andiamo tutti in vacanza, sopratutto i giocatori, e ricominceremo a seguire il calcio dal 2023. Sarà un altro campionato, con diverse modifiche a tutte le squadre, spero anche qualcosa di buono alla Fiorentina.

    • Penso che Kouamé abbia spinto troppo per oltre un mese e abbia bisogno di ricaricare le Pile. Aveva fatto male nelle ultime due partite e anche ieri ha combinato poco e sbagliato molto. Giocare senza due titolari esterni in uno schieramento che punta molto sugli esterni alla fine lo abbiamo pagato. Fra l’altro fino a un paio di settimane fa Saponara era inguardabile e quindi tutto il peso era su Ikoné e Kouamè. Jovic è entrato al piccolo trotto e con un pizzico di fortuna poteva anche essere determinante. Questo mondiale ha creato storture incredibili. Su Terracciano, a freddo, dico che è fallo netto. Intervento di Rebic non sarà volontario, ma se nell’aria piccola vai a spostare le mani del portiere senza minimamente toccare la palla è fallo: non ci sono se e non ci sono ma. E anche il fallo su Ikoné è un vero furto. Solo la Gazzetta la pensa diversamente, chissà perché.

  2. Terracciano ha ritardato troppo l’uscita, quando è arrivato sul pallone era troppo lontano e Rebic era nel mezzo. Il rigore era 3/4, a maglie invertite lo fischiavano di sicuro. Ma tant’è, è così.

    Spero in un mondiale travolgente di Zurwowski 🙂

    E, sinceramente, stare senza calcio in estate mi piace, ma in inverno sotto Natale quando sei costretto a stare in casa per il freddo, un pochino di calcio mi ci vorrebbe.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.