Bologna Fiorentina 2-1. Occasione mancata

Occasione-ToniDavide: Ciao Simone. Sono passate oramai 24 ore dalla gara persa a Bologna, quindi andiamo subito al sodo: Montella ha sbagliato e se si dove?

Simone: Per me Montella ha sbagliato ed è la prima volta che lo dico dall’inizio del campionato (diciamo la seconda perché abbiamo sbagliato anche con la Roma). Ha sbagliato perché nel secondo tempo almeno io ho visto una squadra spengersi pian pianino, calando ritmo e grinta, al contrario del Bologna, che, giocandosi le sostituzioni, è salito nell’intensità di gioco e alla fine ha meritato giustamente la vittoria. Hanno vinto perché hanno avuto più voglia di noi di vincere.

Davide: Peccato perché era una buona occasione, pur essendo una partita difficile. E la Fiorentina (come quasi sempre) l’ha subito saputa interpretare, prenderne possesso e comandare… per poi perdere controllo e partita. Ma secondo te c’è questa componente di narcisismo oltre misura che oggi tutti rinfacciano ai viola?

Simone: Le partite oggi, più di prima, durano 90 minuti. 90 minuti di corsa, di pressing, di intensità, di voglia. Noi, ieri, abbiamo dimostrato di non avere tutta quell’autonomia mentale che ha avuto il Bologna. Nel secondo tempo hanno iniziato a martellarci, a non darci respiro in nessuna zona del campo. Se ripensi al secondo gol: palla recuperata da Gonzalo e giocata a Tomovic, che la perde pressato da Diamanti (Sissoko si scansa), rimpallo in cui Savic interviene tenero di testa,  ti ho fatto quattro nomi dei nostri tutti teneri, tutti delicati, tutti (forse) stanchi o poco concentrati. Anche il primo gol è venuto dalla maggior voglia di Motta di prendere quel pallone invece di Aquilani. Il Narciso l’abbiamo davanti.

Davide: Da quello che dici non è semplice dare però molta colpa a Montella. E comunque è appurato che se la colpa ce l’ha l’allenatore, ce l’hanno sempre anche i giocatori che vanno in campo. Fatto è che fino all’azione del primo gol il Bologna metteva grande grinta, ma era in grande difficoltà a trovare spazi e occasioni. Ed a proposito del primo gol loro, parlami di Cuadrado. Per me troppo elogiato nelle partite (e nelle trasmissioni) precedenti, forse troppo stroncato ieri sera.

Simone: La colpa che ha avuto Montella ieri sera è stata quella di non fare delle sostituzioni per mettere gente fresca di corsa, di grinta, di spallate in campo (penso a Romulo e Toni al posto di Aquilani e Jovetic). Su Cuadrado, ti posso dire che il primo gol nostro è straordinariamente merito suo, sul primo gol loro mi sono distratto, ma non può essere colpa di chi fa il fallo se poi si prende gol su punizione. Cuadrado è tra i nostri miglior giocatori.

Occasione-CuadradoDavide: Sarà sicuramente fra i migliori dei nostri, ma se vuole essere uno dei tre davanti, le occasioni come quelle di ieri le deve buttare dentro. Il rimpallo, la svirgolata, scheggia il palo, di poco alto… un giocatore come lui deve garantirci almeno 7/8 gol, altrimenti diventa un problema. E poi anche lui deve imparare a vincere qualche contrasto in più. Anche nel nostro gol, alla fine la palla l’ha portata via Migliaccio. Ad ogni modo, questo tridente ti convince?

Simone: A me, e questa è una sentenza, non convince più Jovetic. Jo-Jo, avanti-indietro, tira-molla, ecc. ecc. Sono cinque anni che aspettiamo. Io non ho più fiducia in quel giocatore.

Davide: Questo penso sia un tuo problema, perché i numeri dicono che per ora i gol li fa lui… gli altri quando capita. Anzi, lui e Toni. E siccome Toni non è più quello di un tempo, penso che Montella lo debba tenere sempre caldo. Peccato per quel colpo di testa finale. Pensava che Valero avesse forzato molto il cross ed è saltato prima. Ma Valero le cose le fa sempre bene. Per me migliore in campo. Te chi hai in mente per il medagliere?

Simone: Magari Jovetic fosse solo un mio problema. Per me sta diventando il problema della Fiorentina. Cuadrado e Ljajic. Altri proprio non lo so.

Davide: Cuadrado questa volta però te lo boccio. Non è da 4,5 come quasi tutti hanno scritto, ma prima di lui Aquilani, Migliaccio e anche altri. Per chiudere, dicevo all’inizio un’occasione persa: ma dove possiamo oggettivamente arrivare?

Simone: Prima della partita con Paolo avevamo detto che la partita con il Bologna era quella più importante dell’anno, quella che sarebbe servita per capire dove potevamo arrivare. L’abbiamo persa. Settimi? Ottavi? Io non credo che faremo meglio.

1 Commento

  1. Son tifoso anch’io e il mio divano non ne può più di subire “gragniuole” di colpi ogni volta che buttiamo le partite “già vinte”.
    Però a mente fredda dobbiamo evitare di vedere tutto nero. Ragioniamo:
    – abbiamo una squadra che gioca un calcio divertente, propositivo e anche abbastanza efficace: abbiamo sempre 42 punti e veniamo da un poker meraviglioso all’Inter. Io sinceramente soffrivo di più l’anno scorso.
    – Cuadrado l’ho ipotizzato erede di CR9 in un delirio visionario, naturalmente questo mi porta ad essere più severo nei suoi confronti quando lo vedo fare errori che farebbe Migliaccio. A Bologna ha fatto veramente molti errori e poche cose positive, quindi Medagliato no, ma nemmeno bocciato.
    – 90 minuti non li ha giocati nemmeno il Bologna, nel primo dormivano e noi non li abbiamo puniti. Per questo…..
    – …. sono meno severo con Montella che con la squadra. Non ha voluto cambiare, sbagliando, perchè quasiasi cambio avrebbe messo un freno al gioco della squadra dando un alibi a quei giocatori che vogliono essere leader e poi non sanno quando è ora di giocare sulle punte o di abbassarsi i calzettoni.
    – veniamo a Jovetic: dai Simone, non puoi dire che “è un problema della squadra” il suo cannoniere! Puoi dire che vorresti di più, ma non che sia un completo flop. Per me ha ragione Montella quando insiste che lo vuole vicino all’area, mai in giro per il campo: le ultime 2 partite sono esemplari.
    Forza Viola
    Ah, il mio Medagliere: Ljajic, Aquilani, B. Valero

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.