Sentenze

Oltre alla prima fase del ritiro, si chiude oggi una settimana di sentenze per quanto riguarda la Fiorentina. Premetto che in questo articolo alla fine ripeto gran parte delle cose scritte da Simone nel suo articolo VERGOGNA, completamente condivisibili, tristemente reali. Ma proprio per questo ci tengo a ribadirle, dando semmai qualche altro spunto di riflessione.

Si parte dalla sentenza del TAS: una certa cultura progressista ci ha insegnato che le sentenze non si discutono, si applicano, come ha fatto in modo signorile la Fiorentina, prima e dopo i vari gradi di giudizio. Noi possiamo però commentarle: il TAS in sostanza ha detto che i capi di accusa erano giusti, la sentenza esagerata ed ovviamente gran parte della stampa e degli addetti ai lavori (ITALIANI) sono andati dietro a questa visione, perché conviene così. Il fatto è che le sentenze non si possono misurare pensando solo a chi le subisce, ma al contesto in cui sono applicate. E’ emblematico il fatto che negli ultimi 3 anni la Fiorentina, trovatasi per sfortuna ed errata gestione in una situazione di bilancio critica, anche per le regole europee, sia passata da rigide sessioni di calciomercato, cercando di incassare da vendite eccellenti, abbassando il monte ingaggi, ripartendo da una squadra giovane, ancorché agguerrita e competitiva. Parallelamente il Milan ha ripetutamente violato le regole del Fair Play, con ingaggi ed acquisti smisurati. Ed ecco allora che quando si arriva ad una pena per violazione di regole, si dovrebbe commisurare la pena all’infrazione fatta, al danno creato… al fatto soprattutto che chi governa deve dare un messaggio ai governati. Il messaggio che esce dal TAS è quindi che sarebbe una buona prassi rispettare il Fair play, perché altrimenti un po’ la paghi, ma se vinci buon per te.

Sentenza dura da digerire, aggravata dal comunicato assurdo del gruppo 1926 della Fiesole: una vera e propria sentenza sulla proprietà. Il comunicato contestuale in pratica all’uscita della sentenza TAS è soprattutto un’accusa di non voler giocare “sporco” come tante altre proprietà, o magari semplicemente di non volersi piegare alle volontà di un palazzo per il quale “il mal comune è un mezzo gaudio per accontentare un po’ tutti… e far vincere i soliti”. Un comunicato che non tiene conto di come è cambiato il calcio negli ultimi 20 anni, che cita un passato glorioso della Fiorentina che fa riferimento sicuramente a prima che nascessero gli stessi ultras. Si arriva addirittura a stilare un manifesto della razza del tifoso, che non è quello che va a Moena a seguire la squadra in ritiro e a salutare con entusiasmo l’arrivo del presidente… come non è quello che segue la Fiorentina dalla TV e magari scrive su Internet, così come non lo sono quelle potenziali decine di migliaia di tutto il mondo che potrebbero innamorarsi di questa squadra per Firenze, per qualche iniziativa avvincente di marketing e di internazionalizzazione… e che rappresenta oggi l’unica vera via potenziale per far diventare grande la Fiorentina. La curva… direi il 1926 e qualche altro gruppo non vuole oggi solo una Fiorentina provinciale, la vuole addirittura settoriale.

E ovviamente non possono mancare le sentenze di giornalai e qualche addetto ai lavori, che stanno facendo davvero una gran commistione fra chiari interessi personali e la loro possibilità di esprimere opinioni tramite media, sicuramente liberi di farlo, ma creando spesso davvero molta confusione intorno alla Fiorentina.

Anche quest’anno, nonostante Astori, nonostante la reale intenzione di continuare un lavoro di costruzione della squadra basata sui giovani (quante volte l’abbiamo implorato in passato!), nonostante la voglia di riottenere risultati importanti, si riparte in un clima del tutti contro tutti… e si è visto il nervosismo con cui la squadra è scesa in campo nell’amichevole contro il Venezia. Rimane per fortuna un allenatore, come Pioli, che ha sottolineato che ama la Fiorentina ed un gruppo giovane di bravi calciatori che anche quest’anno ce la metterà tutta per fare bene: per una volta possono loro davvero urlarci NOI SIAMO LA FIORENTINA!

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*