Ricapitolando… ricominciamo da 7!

Come vi sarete accorti, ci siamo presi anche noi un po’ di ferie. D’altra parte c’eravamo espressi riguardo il modo con cui la società e Corvino stavano cercando di costruire la nuova rosa e sull’eterna sfida fra una parte della tifoseria e la proprietà. Nonostante questa continua sfiducia nella gestione Della Valle, nonostante la diffidenza e l’ironia di certa stampa (fiorentina?) verso l’operato di Corvino… nonostante frasi alla Bucchioni, tipo “Pjaca viene come turista”, “se giochi a braccio di ferro con la Juve perdi”, “allora significa che la Juve prende Chiesa il prossimo anno”, nella parte finale del calcio mercato Corvino ha portato a Firenze non solo Pjaca, ma anche Kevin Mirallas ed Edimilson Fernandes, due giocatori interessanti, il primo perché di esperienza, dal potenziale superiore al suo attuale valore di mercato che va a completare il reparto offensivo, il secondo giovane, in rampa di lancio anche nella sua nazionale (Svizzera), con un gran fisico e, sembra, grandi doti tecniche.

A bocce ferme, con il mercato chiuso in entrata, il mio voto al lavoro di Corvino è sette pieno. La rosa si è sicuramente rafforzata: in difesa già lo scorso anno la squadra aveva avuto la forza di sopperire alla tragica perdita del capitano Astori: ci sono i giovani Diks e Hancko come rinforzi sulle corsie esterne, c’è Ceccherini come buona riserva… ed un portiere che fa davvero ben sperare. A centrocampo molti ritengono la perdita di Badelj un fatto molto penalizzante, ma è abbastanza chiaro che Pioli abbia voluto giocatori per dare maggiore sostanza al centrocampo, che dovrà essere quest’anno un po’ più incontrista ed un po’ meno offensivo: non conosco Fernandes (di cui si parla un gran bene), sembra che Pioli abbia molta stima in Gerson, ma secondo me giocherà un ruolo importante anche Norgaard: grande recuperatore di palloni, ma anche ottima visione e tempi di gioco; non è un play maker vecchio stile, ma adatto per una squadra che punterà molto su verticalizzazioni ed aperture sulle ali, dove appunto dovrebbero spiccare il volo Chiesa e Pjaca. Insomma, non ci vuole molto a capire che questa squadra è intrigante e che sta incuriosendo molti addetti ai lavori. Nel mio giudizio personale c’è un plus ed un minus: il minus deriva dal fatto che abbiamo di nuovo de-italianizzato la rosa; no, non mi sono allineato alla linea salviniana “prima gli italiani” e a tuttli gli slogan connessi che ci dobbiamo subire in questi mesi; mi piace però nel calcio mantenere un minimo di identità nazionale, che penso aiuti anche ad avere una migliore identità di squadra. Il plus è legato invece all’età media: siamo la squadra più giovena di serie A ed avere la squadra più giovane del campionato che comunque pensa di lottare per un posto in Europa dovrebbe essere (per me lo è) un grande vanto per la città ed i tifosi!

Settimo è anche l’anno di attività che sta per iniziare per  questo blog e speriamo di poter andare avanti ancora per tanto tempo, crescendo magari continuamente il numero di lettori e amici tifosi. Come già accennato in altro articolo, sperimao non sia quello della crisi, soprattutto speriamo non lo sia per la Fiorentina. Intanto il campionato è iniziato: la Fiorentina ha saltato la prima giornata per il dramma del Ponte Morandi di Genova, per il quale ovviamente esprimiamo il massimo cordoglio. La nostra stagione partirà quindi domenica prossima contro il Chievo a Firenze. I Clivensi sono quasi riusciti a fermare la Ronaldentus, che quest’anno farà un suo campionato, non tanto (o forse non solo) per i punti che farà (e che comunque dovrà quantomeno sudarsi), ma per il circo equestre che la sta già accompagnando da quando il portoghese ha firmato per loro. A noi invece interesse solo vedere e capire dove può arrivare questa squadra, fatta rispettando i vincoli del Fair Play, fatta senza stipendi faraonici, fatta con la ricerca di giovani bravi calciatori che hanno voglia di crescere e di stupire… e noi abbiamo tanta voglia di stupirci e divertirci: forza ragazzi, ale Viola!

1 Commento

  1. Magari da settimi… si va in EL se si arriva settimi?

    Questa volta sei te il primo a scrivere che siamo migliorati, ma lo penso anche io. Siamo migliorati in difesa perché non vedremo più Maxi Olivera.
    Siamo migliorati a centrocampo perché abbiamo qualche ricambio in più nonostante l’addio di Badelj.
    Siamo migliorati in attacco perché si spera che Pjaca e Mirallas siano un pochino meglio di Saponara, Gil Dias e Eysseric che ci facevano giocare sempre con un uomo in meno.
    Siamo migliorati perché tutti giocano insieme da un anno e, come dice Pioli, in tanti non sono ancora al loro top.
    Quest’anno, più che la squadra, sarà sotto osservazione Pioli che, udite, udite, avrà il coraggio (o l’ottusità) di schierare in campo il solito Eysseric per l’esordio a Firenze.

    E io cosa l’ho comprato a fare il biglietto? Per vedere il solito scarsissimo Eysseric?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.