Montella c’è

Era abbastanza evidente che la partita con la Juve era prima di tutto un esame per Montella. Il Mister aveva cercato di sdrammatizzare. La dirigenza tutta ha richiesto ripetutamente pazienza. Ma la tifoseria, seppur in modo sommesso, aveva iniziato a puntare il dito. La sconfitta di Genova aveva infatti reso questa gara davvero insidiosa per gli umori della città, ancor più che per la classifica. E Montella ha schierato un 3-5-2 senza fra l’altro centravanti di peso stupendo tutti. Facile dirlo ora, ma questo schieramento l’avevo pensato in settimana. Prima di tutto perché è un marchio di fabbrica. Sfrutta, almeno in questa fase, le propensioni più di spinta dei due esterni e al tempo stesso da maggiore sicurezza ai marcatori e si è visto come Milenkovic abbia giocato più sicuro e determinato. Al tempo stesso, mentre i tre di centrocampo hanno dato battaglia in mezzo, i due esterni hanno bloccato molto le avanzate laterali della Juve. Ed infatti Ronaldo e Higuain sono dovuti quasi sempre venire a cercare palla prima della tre-quarti. Davanti Ribery (ottimo esordio da titolare) e Chiesa hanno fatto molto movimento, con il primo molto più libero di uscire ed il secondo chiamato ad attaccare l’area. L’unico vero difetto rimane ancora la poca incisività in area di rigore. Ed infatti per i numeri e gli episodi della gara, rimane anche un po’ di rammarico per il pareggio. La cosa importante comunque è che Montella c’è. E questo modulo può vedere in futuro anche Chiesa esterno (Lirola d’altra parte era sempre molto alto) ed una punta vera a fianco di Ribery.

Anche la Fiorentina ovviamente c’è. Il nostro campionato inizia con questo pareggio comunque importante, con una grande prova, con molte occasioni, molto gioco, molto pressing contro la squadra più forte. Oltre alle conferme di Castrovilli e RIbery, oggi abbiamo visto un buon Dalbert, Milenkovic e Chiesa in crescita ed anche la prova di Badelj/Pulgar è stata convincente. E confortante è stata anche la prova di Caceres, visto che si è allenato mezza giornata con la squadra.

Ed infine i tifosi: una coreografia bellissima, uno stadio che ha spinto fino alla fine e soprattutto oltre 28.000 abbonati. Anche Firenze c’è. E penso che Commisso possa tornare in America contento di queste tre risposte, mister, squadra e tifosi, ancora più convito che si possa costruire qualcosa di importante.

1 Commento

  1. Mentre mi accorgo che manca la classifica aggiornata, la farò presto, commento l’articolo “Montella c’è”… c’è?
    Per ora c’è, vediamo se dura.

    Non ho visto la partita quindi è difficile scrivere qualcosa di sensato, se mi dovessi basare su quello che ho visto dagli highlight mi sembra di aver visto che tutte le occasioni sono venute fuori da un altissimo e forsennato pressing. Sembrava la Fiorentina di Pioli 🙁

    Basandomi invece solo sulla formazione, che Davide aveva pensato in settimana, mi viene da piangere perchè giocavamo senza centravanti. E quando è entrato un centravanti è entrato quello sbagliato.

    La prossima abbiamo l’Atalanta, quindi Sampdoria e Milan. Montella ci sarà dopo queste tre partite?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.