C’è un però…

Domenica sera avevo scritto un post più generale e polemico riguardo la modalità con cui la Lega sta gestendo il campionato di Serie A in questa ondata di piena COVID. Ho sottolineato come alla fine, per non scontentare chi paga maggiormente le società, ovvero le TV e i MEDIA, ci si stia completamente dimenticando di chi paga le società e soprattutto le TV e i MEDIA, ovvero i tifosi. Avevo anche sottolineato che si decide di mandare alla sbaraglio i calciatori (che sono alla fine coetanei di quelli a cui chiediamo massima responsabilizzazione nel fronteggiare la pandemia) mettendo a repentaglio comuque la loro salute, rispetto ad un virus di cui ancora oggi sappiamo molto poco.

Poi c’è stata la gara a Torino e tutti, io per primo, siamo stati molto duri e critici. D’altra parte qui ci piacerebbe occuparci di calcio giocato e giudicare quello che si vede sul campo… e a Torino abbiamo visto solo cose brutte.

Poi, però, c’è un però… Pensi che la FIorentina a Torino non doveva andarci, poi forse, poi si. Pensi che comunque scendi in campo contro una squadra a cui la ASL aveva vietato di uscire in pubblico. Pensi che qui entrano in gioco anche sensazioni personali rispetto a questo virus: d’altra parte ci sono i SI VAX e i NO VAX, ci sono è un influenza e quelli del long covid. Insomma, c’entra poco qui il carattere che ti aspetti da un calciatore che in campo deve dare comunque tutto. Nessuno di noi è una macchinetta, che a un certo punto giri la chiave e parti. Scopri alla fine che Quarta, forse il peggiore in campo, non parte per Napoli perché verosimilmente è il nuovo positivo della Fiorentina e pensi a quell’atteggiamento molle, al vedere inerme il rinvio che rimbalza sul giocatore granata che va in porta. Ascolti allora le parole di Italiano, per capire se esce qualcosa. Capisci che è sicuramente amareggiato, che si è arrabbiato lui per primo. Non trapela altro. Ci si ricorda solo che a inizio anno aveva allontanato i tifosi dicendo che qui si sta tutti male.

Questo articolo non vuole essere comunque assolutamente un alibi per quello che abbiamo visto a Torino. Vuole essere però una ulteriore riflessione su quello che sta accadendo oggi nel nostro campionato. Possiamo dire anche che ci sono le regole e dobbiamo rispettarle. Ma non possiamo assolutamente dire, per tutti i motivi detti sopra, che oggi si possa assistere ad un campionato equo e giusto. Non ci sono buoni o cattivi, ma probabilmente solo la dea fortuna e qualcuno che ci sta giocando pericolosamente.

2 Commenti

  1. Ho avuto anche io lo stesso pensiero su Quarta e non bisogna essere dei geni per fare 2+2. La Fiorentina annuncia un altro positivo e Quarta non parte per Napoli, quindi uno pensa: ma allora Quarta non era a posto fisicamente.
    Cmq contro il Torino non ci hanno condannato solo gli episodi, ci ha condannato l’atteggiamento.

  2. L’abbiamo detto: gli episodi sono stati figli dell’atteggiamento. Sull’atteggiamento forse hanno pesato diverse cose, magari non ben ponderate prima dall’allenatore e sinceramente per niente semplici da ponderare nel suo insieme.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.