Le padelle degli altri

Abbiati: giocatore che non ha nessuna colpa sui gol subiti. Ha dalla sua molte attenuanti. Noto per le sue simpatie fasciste, in settimana ha dovuto presenziare al funerale del repubblichino e ordinovista Pino Rauti e nell’occasione si è stirato il muscolo del braccio destro per i ripetuti saluti romani. Si distingue dagli altri perché come Galliani non ha un capello fuori posto. Voto 7.

De Sciglio: giocatore essenziale al parterre dello Stadio Meazza: bellino, taglio sobrio dei capelli, fisico asciutto, passato dalle fila dell’Azione Cattolica al cast di D&G, riesce a incutere tenerezza a Borja Valero che nei primi quindici secondi di partita non tocca un pallone. Voto 6,5.

Mexes: finalmente una prova maiuscola, fatta di insulti, spinte, la solita maschia aggressività. Simpatico come un culo fa ridere anche l’ottimo arbitro Giulietta e Romeo, quando evita di fare fallo da rigore su Borja Valero e lo lascia passare. Un po’ troppo gonfio in faccia. Voto 7-.

Bonera: Coscina di pollo della difesa milanista, ancora tutti si chiedono chi fu a consigliargli da piccolino a tentare di sfondare nel calcio. Riesce a ringiovanire persino Toni, che nel primo tempo si ferma ad aspettarlo, gli porge la mano e lui lo saluta aggrappandosi alla maglia. Giustamente l’ottimo arbitro Romeo Gigli non ammonisce Toni per eccesso di generosità. Voto 6+.

Constant: vederlo giocare è un lusso che solo a Milano si possono concedere. Grinta, tecnica, spinta, determinazione, riesce persino a farsi fare l’autografo da Cuadrado nel sottopassaggio del Meazza. Con la prova di oggi capisco il mio amico senegalese Said, che porta i carrelli al parcheggio della Coop, quando dice: «Perché lui sì e io no!». Voto 7.

Montolivo: finalmente la prova di carattere che a Firenze tutti s’aspettavano. Lotta, corre, cuce, stira, dà il cencio per terra, spolvera i pali con la maglietta acquistata in Corso Montenapoleone. Standing ovation del pubblico quando evita con un fine colpo di polpaccio quella che sarebbe stata la sesta palla tra le gambe infilatagli da Borja Valero. Voto 8,5.

Ambrosini: giocatore corretto, mai un fallo, aiuta gli avversari a rialzarsi quando inciampano da soli, strattona Cuadrado solo per porgergli la bottiglietta dell’acqua. Uno dei pochi giocatori del Milan che si ostina a tenere i capelli lunghi. Voto 7.
(Dal 30’ st Robinho: quando la partita sembra prendere una piega buona per il Milan, entra lui e tutto torna nella normalità. Voto 6.)

Emanuelson: essenziale, elegante, pantaloncini e maglietta stirati a puntino, molto più bello di Savic. Come Bonera risente degli strascichi dei corsi serali del Cepu per il diploma da ragioniere. Voto 6,5.
(Dal 1’ st Bojan: entusiasma i commentatori Sky che nel primo tempo sembravano commentare un funerale. Dribbling strepitosi, colpi di tacco, visione di gioco: peccato che il cattivo Roncaglia e Occhio Peo Gonzalo lo obbligano a sfogarsi in un recinto lontano dall’area. Voto 7,5.)

Boateng: capita raramente vedere un giocatore così muscoloso, con un pizzetto così curato e i tatuaggi firmati da Versace. Se a letto deve essere una bomba, in campo non riesce a scureggiare come ci si aspetterebbe da un fusto di questo stazza. L’ottimo aristogatto Romeo decreta un giustissimo rigore su di lui, perché il violentissimo Roncaglia rischia di toccarlo in elevazione. Voto 6,5.

El Shaarawy: rivelazione dell’anno, grande tocco di palla, facilità di tiro, imprevedibilità dei movimenti. Il giovane milanista soffre un po’ il confronto a distanza con la capigliatura da Irochese di Hamsik, con il quale si contende l’Idiot Hair Premium. Tutte doti che non avevano fatto i conti con il taglio dei capelli di Facundo, che con la solita perfidia gli ricorda per tutta la gara gli omini Cheyenne della Playmobil con cui ancora gioca. Voto 6-.

Pato: giornata negativa dell’ex (?) pretendente alla Barbara del Capo. Anche su di lui pesa però una pettinatura sbagliata dall’imbarazzante Hair Stylist di Milanello. La sua prova va un po’ rivalutata perché ha giocato con un improbabile divisa che gli partiva da metà testa. Quanto al rigore sbagliato pare sia colpa della fettunta che Viviano s’era pappato per tutta la settimana. Il forte odore d’aglio infatti che usciva dalla bocca del portiere viola ha impresso una traiettoria sbagliata al pallone. Voto 5,5
(Dal 1’ st Pazzini: è considerato, insieme ad Allegri, il migliore dei suoi perché riesce a buttare dentro il pallone senza inciampare sui suoi piedi. Purtroppo quando ha giocato contro la Fiorentina non è mai riuscito a ripetere il capolavoro del gol che riuscì a mancare contro il Siena. Voto 9.)

Allegri: unico livornese, e forse italiano, che rivoterebbe Berlusconi, paga il gioco sporco di Inzaghi che nella notte aveva scritto sulla sua Cayenne l’imperdonabile scritta “Fammi posto, Acciuga”. Voto di stima 8,5.

Premio speciale Indro Montanelli-Corriere della Sega a Sky che nomina Aquilani uomo partita e gli fa tre domande tutte sulla Fiorentina. 1) Quanto ti ha emozionato tornare in questo stadio? 2) Ti sei preso una rivincita contro chi (il Milan) non ti ha riconfermato l’anno scorso? 3) Lo sapevi che il derby l’ha vinto la Lazio?

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.