Non c’è versi…

Inzaghi ieri aveva detto che la Lazio doveva vincere in tutti i modi, che poteva sembrare una carica, ma anche una minaccia: fatto sta che la Lazio l’ha vinta forse nell’unico modo possibile, ovvero con molto mestiere, cercando e trovando un gol su calcio da fermo e difendere (in tutti i modi appunto) il risultato. La Fiorentina esce con 5/6 occasioni nitide per fare gol e con zero reti: colpa di Simeone che sbaglia i passaggi è la chiave di lettura di Simone, ma nella classifica di oggi di occasioni sbagliate c’è (per facilità) Benassi, Sottil (su prezioso assist del Cholito), Fernandes, Biraghi, Pjaca… e quando ha avuto una buona occasione Simeone c’è stato un fallo da rigore molto netto. E questo ci porta all’arbitro Orsato, che ha diretto bene la gara perché è bravo… ma è bravo anche a decidere tutto lui, anche che ha visto correttamente una cosa che la VAR avrebbe visto molto meglio. Già la VAR, che piano piano sta soccombendo: probabilmente l’Italia (non si sa bene per decisione di chi) sta rinnegando questo suo tentativo di introdurre uno strumento di equità.

Ritornando alla gara, il vero problema della Fiorentina è che gioca spesso con un giocatore e mezzo in meno, ovvero Gerson e purtroppo in parte Pjaca, ancora avulso dal gioco viola. Chiesa come al solito ad un certo punto si accende e la partita in effetti cambia regime… però anche oggi è rimasto nell’ombra per un tempo. Da apprezzare comunque il modo con cui ha reagito alla settimana forse più difficile della sua carriera. E poi c’è Simeone che sbaglia i passaggi e che ha preso e prenderà diversi 5 in pagella: però c’è tanti modi di vedere il calcio ed io vedo che nelle gare fuori casa il cholito spalle alla porta ha quasi sempre 3 giocarori avversari in pressing e giocatori viola più vicini a decine di metri. Stasera vedevo l’Inter (che fra parentesi meritava di perdere) e Icardi ha sempre appoggi molto facili con due tre giocatori vicini che gli vanno incontro. Simeone patisce sicuramente il non buon momento di Benassi, l’essere lontano dal gioco di Pjaca, l’assenza di movimenti senza palla di Gerson… e patisce certo anche un periodo molto denso di impegni e di nuove responsabilità. L’unico che appoggia è quasi sempre Biraghi. Veretout rimane l’unica certezza a centrocampo ed io, più che Dabo, inizierei a pensare seriamente anche all’uso di Norgaard.

Alla fine, nonostante sul campo la Fiorentina non abbia mai meritato la sconfitta, non c’è versi per questa squadra di vincere fuori casa, in particolare con squadre di un certo rango. A parte il gol fortuito di Chiesa a MIlano ed il bel gol di Simeone a Genova, non c’è versi soprattutto in trasferta di buttarla dentro, nonostante si possano contare una dozzina e più di occasioni: può essere la gioventù, può essere una cattiveria da gol da acquisire, può essere anche un po’ di sfortuna. Però il campionato sta iniziando a dare i primi messaggi: in questa giornata Roma ad Empoli, Lazio contro la Fiorentina, Inter a Ferrara con la Spal hanno subito a volte anche pesantemente il gioco degli avversari, sono stati più volte per soccombere, ma hanno vinto. Sappiamo bene che non è un bel segno stare dalla parte di quelli che recriminano e dopo la pausa occorre invertire questa tendenza… e nonostante tutto penso che la Fiorentina abbia i numeri per farlo.

3 Commenti

  1. Per me l errore è forzare Veretout a giocare in un ruolo non suo. Lo puoi fare per emergenza. Non puoi rinunciarci tutta la stagione. Il mercato è stato sbagliato. Si è perso Badelj Non siamo stati capaci di trovarne uno che lo potesse sostituire e cosi tutto il sistema gioco ne risente. E Simeone è sempre troppo sole ma quello fa parte della coperta corta

    • Ciao Leoviola e ben trovato. Veretout aveva sicuramente un altro ruolo, ma se è sempre il migliore in campo significa che sa giocare in quella posizione. Penso anche che il rimpianto di Badelj sia più emotivo che tattico, perché quest’anno Pioli ha voluto un centrocampo più fisico… “abbiamo fatto le nostre scelte ha detto sabato in conferenza”. Il problema vero è che Gerson per ora sta deludendo e Benassi è in una fase negativa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.