Senza cattiveria

Domenica scorsa, alla luce dei risultati di alta e bassa classifica, Pioli aveva capito subito che sarebbe stata una partita dura, perché il Cagliari, una delle squadre più in forma in questo periodo, con giocatori di buona qualità e con idee chiare di gioco, sarebbe venuto a Firenze a giocarsi il tutto per tutto. Peccato che Pioli non abbia ben valutato che sarebbe venuto per fare una partita “cattiva”, nel senso calcistico del termine: quella cattiveria calcistica che è oltre l’agonismo, fatto certo di intensità, ma anche della continua ricerca del contatto borderline al fallo (spesso poco oltre), sempre con quel pizzico di astuzia, furbizia e diciamo anche un po’ di antisportività. Una cosa tipicamente italiana, che negli altri campionati non conoscono ed infatti alla fine ne ha fatte le spese Veretout. Ecco, la Fiorentina ha trovato quest’anno giocatori fisici, che mettono agonismo, grinta, ma è senza cattiveria… senza questa cattiveria. Il Cagliari non ha fatto giocare la Fiorentina, specialmente a centrocampo, cercando sempre e ovunque il contatto, cercando sistematicamente di innervosire i gigliati. Pioli doveva aspettarselo e soprattutto non doveva mettere Eysseric dall’inizio, visto che non è neppure agonistico ed infatti è stato praticamente inesistente. Su Eysseric dico che non può essere un tre-quartista in Italia e se si vuole questo penso sia inutile insistere: come detto più volte, potrebbe avere passo, piedi e testa per giocare 20/30 metri più indietro. E’ comunque vero che tutti hanno fatto una prova incolore e penso che sia soprattutto mancata proprio questa lettura della gara da parte di Pioli. Alla fine era il Cagliari che doveva vincere assolutamente ed il pareggio poteva far più comodo a noi che al Cagliari… quantomeno poteva evitare il biscotto fra Atalanta e Milan. Essendo a Firenze, si poteva giocare in modo un po’ più furbo o se volete un po’ più cattivo. Per questo mi aspettavo Dabo, anche al posto dello stesso Eysseric, lasciando magari un po’ più libertà a Benassi. La Fiorentina si è invece persa dentro la grinta, la corsa e le botte del Cagliari ed una volta subito il gol, l’adrenalina e la rabbia dei sardi è diventata un muro per i viola.

Non penso sia giusto parlare e dare voti ai singoli e allora non ci rimane che essere dispiaciuti per questo passo falso nell’ultimo km. Però le stagioni vanno viste nel loro insieme e questa squadra ha dovuto impiegare un po’ di tempo per ingranare, ha avuto fasi molto positive, ma anche qualche ricaduta, dovuta se non altro ad una rosa corta per giocarsela bene fino alla fine. Dobbiamo inoltre chiarire una volta per tutte che la tragedia di Astori, al di la del fatto che ha creato una specie di patto interno, è stato un evento che ha frenato e non favorito il cammino dei viola: questo deve essere ben sottolineato, perché oltre alla perdita del capitano, all’evidente problema numerico, ha comportato un dispendio fisico-nervoso inimmaginabile. Questi più o meno sono i punti nelle corde della Fiorentina, che sono più o meno quelli dello scorso anno, che hanno portato alla classifica dello scorso anno, ma con una squadra giovane ed in crescita, con la consapevolezza di aver avuto quasi sempre nel campionato la sensazione di poter prendere punti in ogni partita. Dobbiamo ripartire da qui, sapendo che oggi Atalanta e Milan sono comunque al nostro livello e che alla fine Inter e Lazio non sono così lontani. Ora a Milano per onorare la stagione e poi un mercato che speriamo sappia, almeno quello, far rispettare le stesse regole per tutti.

2 Commenti

  1. Condivido l’analisi e dico che Eysseric non può giocare in Italia da nessuna parte, questo lo si era visto fin dalla prima partita con l’Inter e via di seguito in tutte le partite che ha giocato. Tutte nessuna esclusa. Quindi Pioli ha dimostrato una volta di più che è tecnicamente scarso perché non si può arrivare alla partita più importante e mettere dentro il giocatore con il rendimento più basso di tutta la stagione. Che doveva provare? Si doveva solo vincere.

    Un altro giocatore che ha fatto una bruttissima figura è stato Badelj che non ha la velocità sufficiente per giocare in Italia ed emerge solo se la squadra avversaria gli da tempo.

  2. Badelj ha giocato male, ma non sono d’accordo sulla sentenza, perché Badelj gioca bene se gli altri girano a modo… se girano a vuoto, anche Badelj diventa un peso. Serviva secondo me Dabo che fin dall’inizio mettesse anche noi sul piano della grinta e di ribattere colpo su colpo, a costo di giocare 10 minuti per tempo. Loro dovevano essere presi dall’ansia ed invece alla fine ci siamo fatti prendere noi. Tanto per noi pareggio o vittoria, sarebbe stato quasi necessario andare a vincere a Milano. Peccato… però penso che anche Pioli deve essere capito, perché se avesse giocato per il pareggio, sarebbe stato massacrato, perché la verità vera è che neanche noi sappiamo bene quello che vogliamo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.